lunedì 14 febbraio 2005

Creatività e dintorni 7

La particolarità di Chaplin è questa: nonostante i suoi capelli bianchi, ha conservato uno “sguardo di bambino” e la capacità di considerare al primo livello il minimo avvenimento. Di qui la sua libertà nei confronti dello “sguardo moralizzatore” (gli “occhi della morale” o gli “occhi del censore”) e la sua capacità di vedere sotto un aspetto comico cose di fronte alle quali altri rabbrividiscono.
Questa capacità è chiamata in un uomo adulto, “infantilismo”.

Sergej M. Ejzenstejn

Charlie Chaplin, Sergej M. Ejzenstejn, a cura di Sergio Pomati, SE.
Da TuttoLibri de La Stampa, 12 febbraio 2005.

Nessun commento:

Related Posts with Thumbnails