domenica 17 marzo 2019

La pubblicità secondo Mario Marenco - Spot POLO - 1978



Alla fine degli anni '80 ero in forza a JWT Milano e mi capitò di lavorare per le caramelle Polo, il cui claim era Il buco con la menta intorno.

Il tono di voce surreale venne mantenuto anche nelle esecuzioni italiane e, in occasione dei Giochi Olimpici del 1992, il team creativo inventò le Polimpiadi, con tanto di atleti polimpionici (una stravolta citazione dei campioni di allora).

Nel portfolio ho ritrovato questi banner pubblicati sulla Gazzetta dello Sport.

pubblicità caramelle polo copywriter marco fossati monza
































In creative classics un altro annuncio (inglese) per le caramelle Polo.

domenica 3 marzo 2019

Il modo migliore per imparare a scrivere un buon testo pubblicitario


Nel 1999, poco prima di lasciare il reparto creativo di JWT Milano, saccheggiai la libreria dell'agenzia. Da "vecchi" annual inglesi e americani fotocopiai alcuni annunci che mi piacevano: ne ricavai un paio di raccoglitori ad anelli.

Ogni tanto, ancora oggi, prendo questi raccoglitori, li sfoglio, rileggo i testi. E mi diverto.

In trent'anni di professione ho letto una cospicua quantità di manuali di copywriting ma il modo migliore per imparare a scrivere pubblicità è leggere gli annunci selezionati negli annual.

Leggerli "attivamente", smontarli cercando di carpirne struttura, argomenti, ritmo, scelte lessicali, tono di voce, humor, ecc., ecc.

Un'utile palestra di lettura che affina il gusto, allena la capacità strategica, crea un solido background. 

Insomma, una fonte da cui trarre ispirazione, coraggio e la consapevolezza delle infinite possibilità della creatività.

Qui ho raccolto alcuni esempi.













mercoledì 26 dicembre 2018

La pubblicità secondo Grazia Nidasio

La sua collaborazione con Barilla si limitava ai rapporti con l’agenzia di pubblicità, o riguardava anche l’azienda?

“Collaboravo anche direttamente con l’azienda: una volta al mese ci si incontrava con la signora Cattani, persona straordinariamente sagace e sensibile, con un’intelligenza affilata come una lama. Andava diritta al sì e al no e questa è una qualità manageriale che ho sempre apprezzato: i creativi, di solito, debordano, e hanno bisogno di qualcuno che li argini! I contatti con le agenzie di pubblicità sono stati sempre molto positivi. Sia con la Troost che con la Young & Rubicam, che è subentrata qualche anno dopo, con la quale c’è stata una vera e propria esplosione creativa”.

Intervista di Mariagrazia Villa a Grazia Nidasio, dall'Archivio Storico Barilla.

La raccolta completa degli spot con protagonista il Piccolo Mugnaio Bianco, creato dall'illustratrice Grazia Nidasio per il brand Mulino Bianco. 


Related Posts with Thumbnails